Museo di Stato

Aperto nel 1899, il Museo di Stato aveva sede nel Palazzo Valloni, ma dal 2001 è ospitato in un altro antico edificio del centro storico, Palazzo Pergami Belluzzi ed è stato riaperto al pubblico il 18 marzo dello stesso anno. Ad oggi, nelle sue stanze sono raccolti quasi 5 mila pezzi, di cui molti originari di San Marino e relativi alla sua storia.

Il museo conserva reperti archeologici dal Neolitico all’Alto Medioevo (famosi i bronzetti votivi della “Tanaccia” e la borchia in oro del “Tesoro di Domagnano”), dipinti e sculture del Guercino, quadri seicenteschi e monete antiche sammarinesi (1865-1938), ma anche reperti dell’antico Egitto, etruschi e romani.

Una raccolta ricca e variegata sia per periodi storici per per la tipologia di oggetti, ottenuti soprattutto grazie a donazioni arrivate sul Titano da tutte le parti del mondo.

Promotore principale della collezione museale fu il Conte italiano Luigi Cibrario, ministro del Regno d’Italia e consulente del governo sammarinese, dal 1862. Proprio il Conte fu il primo donatore del Titano: antichi reperti bibliografici di sua proprietà arricchirono la Biblioteca governativa. Molti altri pezzi importanti giunsero, sull’esempio del Conte, da uomini di cultura e della politica italiana. Di fatto, a quel tempo San Marino, la più antica Repubblica del mondo, rappresentava un mito risorgimentale e con le proprie donazioni queste persone volevano solo dimostrare la loro ammirazione.

Museo di Stato (Palazzo Pergami Belluzzi)
Piazzetta del Titano, 1 – San Marino Città
Tel. 0549-883835
www.museidistato.sm
Ingresso: € 3

Orari di apertura
02/01 al 07/06: ore 9 – 17
08/06 al 13/09: ore 8 – 20
14/09 al 31/12: ore 9 – 17
Il museo è chiuso nei giorni: 1 gennaio, pomeriggio del 2 novembre e 25 dicembre

Gli orari di visita e le tariffe potrebbero subire delle variazioni

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *