An error has occurred

Turismo San Marino: punta tutto sui giochi della sorte? | San Marino Site Turismo

Turismo San Marino: punta tutto sui giochi della sorte?

Il turismo a San Marino continua a incassare il colpo di una crisi economica che da mesi non risparmia alcun settore: meno arrivi, meno presenze e turisti che sostano in media a San Marino 2-3 ore. Il trend negativo registrato negli ultimi mesi sembra proseguire anche per l’estate 2009 la sua rotta inarrestabile verso una crisi profonda, o almeno questa è la situazione percepita dagli operatori turistici e dalla popolazione sammarinese. Al punto da determinare addirittura la chiusura di alcuni alberghi (non sono noti i loro nomi), almeno 3 o 4 , alcuni anche grossi.

Certo è che la crisi non risparmia nessuno e un primo dato su cui si può ragionare è il crollo dell’occupazione alberghiera attorno al 15%, un livello di occupazione molto basso, anche se per avere una fotografia completa della situazione è ancora troppo presto.

Ma non è solo colpa della crisi se sempre meno turisti visitano San Marino: anche il maltempo ha giocato una parte importante.
E’ tempo di agire, dunque, mettendo in atto strategie utili.

A questo scopo, l’USOT (Unione Sammarinese Operatori Turistici) ha incontrato ieri i rappresentanti di Governo per chiedere piani straordinari in grado di salvare il settore turistico.
Risultato del faccia a faccia tra USOT e Governo, l’istituzione di un tavolo misto tra associazioni di categoria e maggioranza di Governo, cui è affidato il compito di approntare strategie di ripresa turistica.
Innanzitutto il turismo va trasformato da escursionistico a stanziale attraverso la realizzazione di eventi sportivi, culturali o ricreativi di alto livello.

Accanto a questi provvedimenti, una possibile soluzione per uscire dalla crisi potrebbe essere rappresentata dai “giochi del destino”: sarebbero affidati a un soggetto completamente trasparente, gestito unicamente dallo Stato che poi dovrebbe reinvestire tutti i proventi in ambito sociale e turistico.


INSERISCI UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>