Negozi aperti a Riccione l’1 novembre? Il Comune dice no!

Botta e risposta della giunta comunale alla richiesta del Consorzio d’area di viale Ceccarini di tenere aperti i negozi nel giorno di chiusura, spostare la chiusura di Ognissanti al 26 dicembre e prolungare l’orario di apertura.

Esclusa l’apertura forzata, chi trasgredisce tenendo aperto nei giorni di chiusura obbligatoria dovrà pagare una multa di 1032 euro. Nessuna deroga, quindi, alla delibera dello scorso 17 aprile.

D’altra parte, aprire i negozi il 1° novembre era fuori luogo, lo aveva detto ieri Mauro Rossi di Cgil, che mercoledi aveva espresso le perplessità (sue e di un certo numero di commesse contrarie) in una lettera al sindaco Daniele Imola.

Il Presidente del Consorzio d’area di viale Ceccarini Giorgio Mignani, d’altra parte, precisa come a chiedere di aprire i negozi siano stati tanti negozianti e anche tanti non associati, tra cui molte commesse, che in tempo di crisi vedrebbero di buon occhio l’ampliamento dei tempi di lavoro. Cos’è successo nel frattempo alle commesse?

Unica deroga al provvedimento, l’apertura (più che giustificata) dei fiorai nel giorno di Ognissanti, per cui gli operatori del Comune sono già al lavoro.

Intanto possiamo dire che lo scorso mercoledì metà esatta dei negozi di Viale Ceccarini e di Viale Dante hanno alzato le saracinesche….


INSERISCI UN COMMENTO

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>